sagreinbasilicata

Venerdì Santo a Barile

25 marzo / 01 aprile - Barile (PZ)
Venerdì Santo a Barile a Barile

Ogni anno a Barile, il Venerdì Santo, viene rappresentato il calvario e la morte di Gesù Cristo. Una rievocazione suggestiva che vanta una tradizione secolare. L'origine della manifestazione non è chiara ma sembra che molti secoli fa un sacrestano della Chiesa Madre si impegnò per rendere la Via Crucis più evocativa possibile. Da sempre la cittadinanza partecipa con trasporto e devozione, in molti aiutano nei preparativi, donano oggetti, gioielli e vestiti per contribuire alla processione. La fantasia popolare e la realtà storica si mischiano per ricreare un'atmosfera senza tempo.

Il grande corteo della sacra rappresentazione si snoda per cinque chilometri e coinvolge 126 persone divisi in 25 gruppi di personaggi che per quattro ore si aggirano per le vie del suggestivo paese potentino. Tra i figuranti, sfilano i protagonisti della Via Crucis, Gesù, i sacerdoti e le pie donne, i Farisei, la Madonna e gli apostoli. A questi si accompagnano figure aliene alla cultura religiosa, come la Zingara, accanto alla Zingarella, e il Moro con il Moretto.

Tre centurioni aprono il corteo, dietro di loro una ragazza, in abito nero, porta uno stendardo recante i segni della Passione di Cristo, mentre trentatré ragazze, con una veste viola, ricordano gli anni di Gesù al momento della morte. La processione è chiusa dalle statue del Cristo Morto e dell'Addolorata, precedute dal sacerdote che invita i fedeli alla preghiera ed alla meditazione dei misteri. Tutto il paese rivive la sua vicenda umana e religiosa con orgoglio e passione.

L'oro ha un significato importante in questa rievocazione. I simboli e le vesti dei figuranti sono coperti e decorati d'oro, i personaggi sembrano più statue dell'arte bizantine che persone in carne ed ossa. Le croci e gli abiti bianchi delle tre Marie, le braccia impastate della Veronica, le dita dei sacerdoti del Sinedrio sono coperti d'oro.

È vestita d'oro anche la Zingara, personaggio che secondo la tradizione popolare ha forgiato i chiodi per la crocifissione. Questa insieme al Moro e al Moretto, personaggi rappresentativi del male, sono fra i pochi personaggi della processione che ostentando indifferenza e persino allegria nel clima generale di tragedia.

La Zingara comincia a preparare la processione del Venerdì Santo sin dal Natale quando raccoglie l'oro delle famiglie del paese, circa dieci chili, che usa per realizzare un corpetto ricchissimo e per abbellire braccia, mani, capelli e collo. Di solito la Zingara è una bella e prosperosa donna bruna che durante il corteo ride sfacciatamente, ancheggia davanti l'Ecce Homo insanguinato e regala alla gente ceci e confetti che porta in un cestino rosso-lussuria in cui si notano i chiodi della crocifissione.

La Zingara è sicuramente una figura pagana che assume su di sé la ricchezza del paese, ma anche la negatività testimoniata dai chiodi utilizzati per la Crocifissione. Bellezza, malvagità, sensualità e arroganza sono identificati in questa bella donna.

Ultima modifica 15/02/2018 ore 12:13
Foto: Antonio Lionetti


CONDIVIDI SU   FacebookTwitterGoogle+

Barile

Barile è un paese del Vulture, nel nord della Basilicata, dalle origini greco-albanesi. Conserva molte delle tradizioni etno-linguistiche degli albanesi d'Italia (arbëreshë) che tra il XV e il XVIII secolo si stabilirono nell'Italia meridionale. Il centro storico con il suo reticolo di strade è una dei luoghi più belli e suggestivi. Archi, portali, palazzi e strade lastricate in pietra caratterizzano tutto il paese. Molto interessante è la Fontana dello Steccato, con le sue figure apotropaiche.
Leggi tutto »

Home Sagre in Basilicata Sagre in Basilicata Feste in Basilicata Mercatini e fiere Festival e rassegne Altri eventi in Basilicata Eventi di rilievo
Seguici su
Segnala un evento
ricerca avanzata »
Feste, sagre, eventi, mercatini a Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre
Sagre, feste, mercatini, eventi a Matera Potenza
Elenco feste e sagre
N.B. sagreinbasilicata.com non è in alcun modo responsabile per eventuali errori o omissioni contenuti nelle informazioni pubblicate
Chi siamo | Contatti | Termini di utilizzo | Privacy | Cookie